Fotografia

Olympus OMD E-M1X: un test sfida la tropicalizzazione!

Da qualche settimana Olympus ha presentato al pubblico la sua Olympus OMD E-M1X: top di gamma Micro 4/3 indirizzata al settore dei videomakers e dei fotografi sportivi/avifauna. Jared Polin, in un suo recente video, ha messo a dura prova una delle più importanti caratteristiche di questa macchina: la tropicalizzazione.

Olympus OMD E-M1X: la macchina della ribalta?

Le ultime notizie sul fronte Olympus sono state altanelanti. L’azienda non sta vivendo un buon momento, soprattutto sul lato vendita dei suoi prodotti che, con le continue innovazioni del mercato, stanno sempre di più perdendo interesse nel pubblico.

La nuova Olympus OMD E-M1X è infatti un prodotto molto curioso sotto vari aspetti. Oltre ad essere la prima e vera macchina dell’azienda indirizzata a dei settori prima inesplorati, è anche la macchina che più di tutte sta attirando le curiosità dei clienti esterni che, prima di quest’ultima, conoscevano ben poco il marchio e le sue effettive potenzialità. Che sia la macchina della ribalta per Olympus?

Olympus OMD E-M1X: un test mette in risalto la tropicalizzazione della macchina

Jared Polin, youtuber americano che recensisce spesso attrezzatura fotografica, ha messo a dura prova la nuova Olympus OMD E-M1X, soprattutto sulla sua tropicalizzazione interna.

La macchina dell’azienda giapponese si è comportata benissimo riuscendo a catturare le immagini anche sotto un flusso d’acqua potente e continuo. La qualità costruttiva dei corpi macchina è da sempre stata una delle più importanti caratteristiche delle Olympus, un marchio che ripone molte attenzioni sul design e sulla robustezza di tutti i suoi apparati.

L’Olympus OMD E-M1X è in questo momento sotto vari test da parte di numerose testate giornalistiche e non, per questo motivo ci aspettiamo di ricevere in questi giorni ulteriori pensieri in merito a questo prodotto.

Tags
Back to top button

AdBlock Rilevato

Questo sito non contiene annunci invasivi. Vi preghiamo di disabilitare AdBlock per poter continuare a navigare