Hardware

A cosa serve la porta USB C sulle schede video Nvidia?

La USB C a bordo di molte schede video GeForce di ultima generazione, inserita da Nvidia per consentire di usare i futuri visori di realtà virtuale con un singolo cavo, può essere usata anche per altri scopi.

Vediamo a cosa serve questa porta USB C

Digital Foundry ha constatato che funziona come una qualsiasi USB C tradizionale. Quindi potete collegare alla scheda video diverse cose, come smartphone, hub USB, cuffie, lettori di schede e persino SSD NVMe.

Questa possibilità è interessante perché permette di avere una porta di tipo C a disposizione. D’altronde per molti quella porta è e resterà inutilizzata relativamente al suo scopo originario, quindi perché non avvantaggiarsene in altro modo? Potete passare a  scopire le nuove MX250 e MX230.

Prove fatte sulla USB C della scheda video Nvidia

Digital Foundry ha svolto alcuni test, ad esempio ha inserito un SSD NVMe ADATA SX8200 Pro in un box esterno e l’ha fatto funzionare. Ha registrando 750 MB/s in velocità sequenziale, meno dei 1000 MB/s della porta USB C nativa della motherboard, ma comunque non male.

usb c

Il sito ha poi constatato il funzionamento di un hub USB 3.0 a sette porte. Collegando una tastiera, un mouse, una chiavetta e un lettore di schede. Funziona anche un adattatore da USB C a quello tradizionale, consentendo così il collegamento di altri prodotti. Dalla porta di tipo C della scheda video è inoltre possibile ricaricare lo smartphone e accedere ai file via Windows (ma è necessario un cavo di buona qualità, altrimenti avviene solo la ricarica).

Successi anche per le prove con una cuffia gaming, un adattatore Ethernet (stesse velocità della motherboard) e dei monitor connessi mediante un adattatore DVI-D to USB-C. In definitiva, è possibile usare questa porta per diversi scopi, salvo ovviamente per la connessione di dispositivi Thunderbolt 3.

“Ironicamente non siamo stati in grado di testare lo scopo reale della porta, la realtà virtuale. Alcuni utenti online hanno però avuto successo. Infatti hanno usando un adattatore Apple Digital AV Multiport per collegare i loro visori VR a una scheda video RTX usando l’USB C”, conclude Digital Foundry.

Tags

Daniel Espinoza

Imparando e scoprendo come se fosse il primo giorno.

Related Articles

Back to top button
Close