Mobile

Samsung acquista l’azienda israeliana Corephotonics

Samsung ha ufficializzato l’acquisto dell’azienda israeliana Corephotonics: compagnia specializzata nella produzione di sensori fotografici e lenti per Smartphone.

Samsung mette sul piatto 155 milioni di dollari per Corephotonics!

La lotta al primo posto per il migliore camera phone sul mercato è diventata in questi anni una lotta all’ultimo sangue. Samsung, Apple, Sony, ecc.. propongono, ad ogni nuova sessione di mercato, un nuovo cellulare con sempre più sensori pixellati.L’azienda coreana Samsung, che da poco ha introdotto i multi sensori nei suoi smartphone, ha deciso però di fare un passo in avanti acquistando l’azienda israeliana Corephotonics. Sul piatto ben 155 milioni di dollari, un investimento che molto probabilmente vedrà i suoi frutti nei prossimi mesi.

Samsung: cosa comporta l’acquisto di Corephotonics?

Gli ultimi smartphone della casa coreana si sono dimostrati essere molto all’avanguardia nel settore fotografico. Ma si sa, in un tempo in cui il mercato viaggia veloce cercando di stare al passo con lo sviluppo tecnologico, le aziende provano ad offrire un qualcosa di sempre innovativo.
Samsung S9 Plus Camera
L’acquisto di Corephotonics da parte di Samsung acquisisce così ancora più significato, vista l’enorme battaglia nel settore fotografico da parte dei più importanti marchi mondiali. L’arrivo del supporto di questa azienda israeliana porterà tante novità, a partire dalla qualità delle doppie lenti e dello zoom ottico.
Corephotonics Samsung
Corephotonics ha infatti collaborato in passato con aziende come Oppo costruendo quello che è per ora il “migliore zoom ottico sul mercato”. Non possiamo ancora quantificare l’effettivo valore di questo “acquisto” da parte di Samsung, quello che è certo, è che l’azienda ha ben capito il come l’offerta fotografica sia diventata un punto fondamentale per la vendita dei propri prodotti.

Tags
Back to top button
it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian

AdBlock Rilevato

Questo sito non contiene annunci invasivi. Vi preghiamo di disabilitare AdBlock per poter continuare a navigare